Laboratori

 

 

Nota: Per partecipare al festival non c'è bisogno di essere danzatori o artisti, il festival si rivolge a persone che vogliono sperimentare le arti e il movimento, indipendentemente dal fatto che abbiano precedenti esperienze. L'obiettivo è quello di esplorare le diverse competenze e capacità che esistono dentro di noi e divertirsi oltre che studiare!

 

 

 

Matan Levkowich

Il viaggio di Matan nel mondo del movimento è iniziato con il basket, passione perseguita per 12 anni durante gli anni della sua formazione.
Passando alla danza, ha iniziato la sua formazione presso la scuola "The Group"  nel 2005-6, seguita dall'Accademia di musica e danza nel 2007-8.
Dopo essersi trasferito in Austria, Matan ha affinato le sue abilità di ballo presso la SEAD (Accademia Sperimentale di Danza di Salisburgo) dal 2008 al 2010.
Oltre alla danza, gli interessi di Matan si estendono al Jiu Jitsu brasiliano, dove detiene con orgoglio una cintura viola.
Ha approfondito vari metodi somatici, esplorando le intricate connessioni tra mente e corpo.

Il percorso di apprendimento di Matan è stato arricchito dagli incontri con stimati insegnanti che hanno lasciato un impatto duraturo sul suo percorso. Ha tratto grande ispirazione dallo studio sotto la guida di Nita Little, Itay Yatuv, Zuna Kozanek, Martin Nachbar e Philipp Dietl. Inoltre, è stato profondamente influenzato dall’eredità didattica di Steve Paxton, Moshe Feldenkrais, Thomas Kurz, Hélio Gracie, John Danaher, S. N. Goenka e numerosi altri la cui saggezza ha plasmato la sua prospettiva e pratica.

 

 "Intelligenza del movimento"

La Movement Intelligence (MI) intreccia teoria ed esplorazione fisica.

L'MI sfida la nozione tradizionale di "tecnica" e si concentra sulla ricerca di un equilibrio tra principi generali ed espressione personale. La pratica esamina il divario tra il modo in cui ci muoviamo e il modo in cui sperimentiamo il movimento, considerando le idee culturali che modellano il modo in cui pensiamo al nostro corpo e alla nostra mente.
 
Descrizione del workshop
Nel workshop condivideremo la conoscenza di diversi tipi di movimento come la danza, la contact improvisation, le pratiche somatiche e le arti marziali. È uno spazio sicuro per esplorare nuove idee sia fisicamente che mentalmente.
Attraverso la comunicazione fisica e l'adattamento, lavoreremo per connettere i nostri corpi e menti, immaginazione e realtà, intuizione e analisi, esperienze individuali con esperienze di gruppo. Esploreremo i materiali da solista, in partner e in gruppo.
 
 
 

  

Katarzyna Brzezinska 

Nata in Polonia con sede a Berlino; coreografa – performer, artista interdisciplinare, insegnante di improvvisazione e movimento, clown-dottore (@brzezinska_nearspaces);
Terapista e coach alternativo e olistico (@ilm_backtobody_berlin).
Ha dedicato circa 20 anni all'esplorazione del corpo, del movimento e della creatività. Condivide la sua esperienza attraverso l'insegnamento del movimento, la contact improvisation, la ricerca sulla performance somatica, la composizione istantanea e la coreografia incarnata.
Dal 2019 è una praticante certificata del Metodo Ilan Lev e insegnante di movimento ILM e da allora offre corsi e trattamenti di movimento ILM per amatori, praticanti e professionisti del movimentob e a integrare nel suol insegnamento un approccio di ricerca sul linguaggio e sul movimento ILM.
Il suo lavoro e la sua ricerca artistica comprendono: poesia e immaginazione in relazione ai fatti tangibili della realtà, alla fisica e alle strutture anatomiche; strati di identità umana; "perfetta imperfezione", nonché presenza artistica-poetica.
 

 

 

Titolo del workshop: "Forze Gravitazionali"  

 

Dinamica, Flusso morbido, Contact Improvisation, Immagini.
Durante queste lezioni basate sul Metodo Ilan Lev, esploreremo i fondamenti del linguaggio unico del movimento ILM che offre una "iniezione" ricca e rinfrescante per le capacità funzionali e motorie dell'intero corpo.

ILM invita il corpo a rilassarsi e rafforzarsi concentrandosi sulla facilità e sull'efficienza nel movimento attraverso il dialogo principale con la gravità e l'esplorazione giocosa e funzionale. 

Questa pratica rinfresca, rilassa, attivando l'immaginazione, la gioia, la creatività fisica e il flusso di energia. In tal modo prepara il corpo e la mente per maggiori potenzialità, direzionalità, prestazioni ed espressione nel movimento. Durante la serie di lezioni "Forze gravitazionali", ci concentreremo sull'esplorazione, sia da soli che in contatto, di strati di strutture fisiche, forze, tensioni, connessioni interne e spaziali e anche delle relazioni corporee sempre "muoversi-vivere-fluire-cambiare". .

Integrando le sensazioni tattili attraverso il tocco e l'esplorazione dell'aspetto fisico di un'immagine, sveleremo un tesoro di nuove forme di movimento, possibilità compositive e profondi dialoghi fisici.

Mentre intrecciamo senza soluzione di continuità le pratiche somatiche nel tessuto della nostra esplorazione, scopriremo la miriade di modi in cui il Metodo Ilan Lev facilita diversi passaggi di movimento, ricerca sulla danza e tecniche di improvvisazione.
 
 
 
  
  
Konstantinos Gerardos è insegnante di danza, coreografo e direttrice artistica della VIS MOTRIX DANCE COMPANY, con sede a Salonicco/Grecia. Dirige VIS MOTRIX PERFORMANCE STUDIO, uno spazio per la danza contemporanea, la performance e il teatro a Salonicco ed è il creatore e direttore educativo di ReDance, un programma educativo di danza contemporanea e performance per attori e ballerini. Ha iniziato a ballare alla Scuola Nazionale di Danza di Atene quando aveva 11 anni. Ha continuato i suoi studi presso la Morianova Professional Dance School e si è diplomato presso la Professional Dance School di Stavroupoli a Salonicco.
Tra il 1989 e il 2004 ha danzato per il Thessaloniki Dance Theatre (Teatro Nazionale della Grecia del Nord). Nel 2001 ha vinto il 1° premio ai National Awards for Dance per la sua interpretazione di "Barbablù" nello spettacolo omonimo, diretto da K. Rigos. Nel 2012 è stato invitato dalla "Machinenoisy Dance Company" con sede a Vancouver, in Canada, a ballare allo spettacolo "Romantic Old Horses" diretto da Peter Bingham. La sua carriera di ballerino è continuata fino ad oggi. Nel 2001, ha fondato la sua compagnia, "VIS MOTRIX DANCE COMPANY" con sede presso il Vis Motrix Performance Studio di Salonicco e ha creato e diretto le sue performance (In Dreams, Safety Distance, Pessoas, In Between, Nocturne, Void, Dark Matter (s) e altri) in Grecia e all'estero (Gran Bretagna, Germania, Spagna). Nel maggio 2015 Konstantinos Gerardos ha diretto lo spettacolo "TAN" per il Thessaloniki Dance Theatre (Teatro Nazionale della Grecia settentrionale).
Ha anche lavorato come attore per la compagnia teatrale "Nees Morfes" e come coreografo per il teatro e l'opera ed è stato sovvenzionato per il suo lavoro dal Ministero della Cultura greco. Durante il suo lavoro di ballerino e coreografo negli ultimi 30 anni, Konstantinos Gerardos ha anche sviluppato una grande esperienza di insegnamento in danza classica e contemporanea, improvvisazione e Contact Improvisation, Partnering, Ensemble Improvisation, composizione, coreografia e performance in scuole di danza professionali e recitazione scuole. Ha insegnato improvvisazione e coreografia al corso di Danza e Spettacolo dell'Università di Lincoln in Inghilterra e workshop di danza contemporanea e contact improvisation in Spagna, Germania, Israele e Canada. Ha collaborato con Chris Aiken, Angie Houser Kirstie Simpson, Nita Little, Ray Chung, Eckhard Muller, Gregor Weber, Thomas Mettler, Yaniv Mintzer e molti altri.

 

  

APPOGGIANDOSI ALL'IGNOTO

PAROLE CHIAVI: CI – SKILLS - IMPROVVISAZIONE

Ci sono molte ragioni per improvvisare: riscaldarsi, creare un movimento specifico per la coreografia, legare insieme gruppi di persone, esplorare nuove qualità di movimento, raggiungere un particolare stato somatico, creare una performance. In questo intensivo, ci occuperemo dell'uso dell'improvvisazione come materiale per arricchire le nostre capacità di contact improvisation e migliorare la qualità del tocco e del movimento a contatto con un altro ballerino.

Durante il nostro lavoro insieme, ingrandiremo il corpo tangibile e la sua fisiologia, pelle, tessuti molli, muscoli e ossa per ispirare la nostra danza. Lavorando da soli e in contatto chiariremo il loro ruolo nel nostro modo personale di muoverci e nella contact improvisation. Le posizioni isometriche chiariranno l'uso dei nostri muscoli e giocare con i tessuti molli dei nostri corpi da soli e in contatto arricchirà la sensibilità della nostra percezione attraverso la pelle. Studieremo l'architettura, la funzione e le qualità di movimento di specifiche parti del corpo come la colonna vertebrale, le articolazioni dell'anca, il busto, il bacino o le estremità per migliorare le nostre capacità quando siamo in contatto con il nostro partner. Esplorare diversi modi di rotolare, scivolare, salire o scendere dal pavimento e utilizzare il pavimento, nonché un partner per supportare il nostro viaggio nello spazio, porterà luce e chiarirà il nostro rapporto con lo spazio, il tempo e la gravità.

Partendo dal noto troveremo le tracce verso l'ignoto, partendo dal familiare e dall'affidabile viaggeremo verso l'imprevisto e l'imprevedibile. Partendo dal proprio corpo (solo) indagheremo gli elementi dell'improvvisazione che ci aiuteranno a migliorare la nostra consapevolezza improvvisativa, la capacità di ascoltare, non solo il nostro corpo ma anche quello del nostro partner e a sperimentare una danza che nasce da il nostro reciproco arrendersi l'un l'altro usando l'improvvisazione come strumento.

 

 

Ippokratis Veneris, teacher, dancer, choreographer, deepen and studies dance and other arts for more than 20 years. In his lessons of contact inserts elements from the various disciplines that has studied extensively over the years as: floorwork, release technique, experiential anatomy, applied anatomy, dupuy technique, acrobalance, martial arts, afro dance, ballet, alexander technic, chi kung, dance theatre and much more.

 – In the past collaborated with the UNIVERSITY OF ROME “Roma 3”, department of “Philosophy of Education” giving lectures about “Pedagogy, C.I. and personal researches on teaching”.

- for two years he received an open scholarship in Brussels (PARTS-ROSAS Dance Company) and in Rome by the region of Lazio to proceed with his research on dance theater projects. His original works (“Buongiorno Amore”, “Afroditi”, presented at Olympic theatre and Theatre Greco) combine together elements of theatre and dance.

 – Is professor in the theatre school “il Cantiere Teatrale”.

- 2018 award: His work as choreography director for the Pina Bausch "The Nelken line in Rome". An international project of 25 dancers of 11 different countries. Receives the second award of Lazio Film Festival Commission.

– In March of 2014 he was a guest together with Giulio Tremonti (former Italian Minister of Economy), Romano Prodi (the former Italian prime minister and former president of the European community), Ermanno Olmi (film director) in the TV peogram “the wind whistles” of Gad Lerner for Repubblica television and for the art channel Effe tv.

– Has collaborated -teaching and making shows of improvisation- with the Italian National Organization of Theater.

– Teaches regularly twice a week Contact Improvisation developing his own method.

– Teaches in different places around Europe.

– Has collaborated with Roberto Castello-Aldes for “Narrate” premium UBU as the best dance theatre production of the year in Italy and many others.

– In 2011 decided to stop making shows and concentrate his energies on the research about the human nature and the wisdom of our bodies.

– Co-founder of CORE an association of choreographers of central Italy to promote the rights of the live performing arts

– Co-founder of RomaContact a collective of dancers who promote and give shows of improvisation and Contact Improvisation.

– Organized the last 10 years many events of art and workshops inviting teachers from all Europe.

– Lives in Rome where graduate at school “l’officina” where study release technique, Dupuy technique, contact improvisation, instant improvisation and composition.

– As a choreographer, dancer and improviser has organized and participated at different events, in the last ten years.

– Has studied with many choreographers and participating at numerous workshops of physical-theatre, contemporary dance, choreographic composition and contact improvisation.

 

 

Theme of the lab: Yin & Yang

In this workshop we will work on some technical tools of Contact Impro and on the connection of Contact Impro and Yin & Yang approach.

Receive and give, the receiver that becomes a giver, mind and body e-motions, masculine and femminine,
"Can we be both Yin?", "Ca
n we be both Yang?". What can come out?

What about left and right side brain function?
Fantasy and concreteness, how and where they meet? Where  can bring this approach?
Embrace (us and others), surr
ender, been transformed through the dance, through the meeting with ourselves and others, ready to flow and get into the energetic flow

of the present moment.
There is something unic been in the momenum, fugacioous and eternal in the same time. It smells like real life to me.
Let's explore all those ideas in these
 meetings 

 
 
 
 

Priscilla Pizziol

 
Tema del lab: Generously flesh, alive
 
Una proposta per indagare la relazione tra un approccio somatico al movimento e la capacità evocativa della danza. Un percorso creativo in cui, attraverso l'ascolto e l'osservazione, inviteremo il corpo ad accedere a uno stato di apertura percettiva, alimentando la curiosità e risvegliando la creatività e la spontaneità.
Un invito a riconoscere e celebrare la manifestazione dei nostri corpi nella loro piena essenza poetica e politica. "Mi emoziona la geometria del tuo corpo disteso, mentre versi il tuo contenuto nel tentativo di tracciare un tenero solco da attraversare. Sei un paesaggio, accogli immagini sottili che si depositano sulla tua pelle, si fanno pesanti e colano giù attraverso i tuoi tessuti fino ad atterrare nelle ossa. Con il tuo respiro, riempi il tempo, lo fermi, lo sospendi, lo spezzi, lo fai a brandelli e ti ci immergi, generosamente carne, vivi" .
 
 
 
 
 

AlReem Behzad

Bothmer Movement Meditation, 5Rhythms e HSE  Yoga.

Scultrice e regista teatrale con una dedizione al movimento terapeutico. Reem è un'insegnante certificata di 5 ritmi e istruttrice di Yoga, con una vasta esperienza in varie pratiche corpo-mente tra cui Danza Psicoterapia, Bothmer, Movimento autentico e Hannah Somatics (HSE).

Le pratiche corpo-mente hanno la capacità di alchimizzare ciò che non è elaborato dentro di noi e di informarci. Questo tipo di alchimia non può mai essere raggiunta solo con la mente. Gli strumenti che ho scelto sono quelli che ho scoperto funzionare in modo più potente su di me, vale a dire i 5 ritmi e la “ginnastica” Bothmer altrimenti nota come meditazione del movimento Bothmer.

Sarà un grande onore per me presentarvi la pratica di Bothmer al prossimo Sundance Festival. Esplorerai e imparerai una sequenza finemente studiata di movimenti progettati per allineare il corpo, la mente e l'anima, portandoti in presenza dentro te stesso e nella tua relazione con il mondo che ti circonda.

 
  
 
 

Edoardo Sgambato  Edoardo inizia a ballare incuriosito dal movimento come strumento per sviluppare la consapevolezza del proprio corpo e ben presto la danza diventa uno degli aspetti più importanti della sua vita. Si forma come ballerino contemporaneo e attore di circo con vari maestri in Italia e all’estero concentrandosi in particolare sulla CI e sulla composizione istantanea. Nel 2018, insieme a Elisa Ghion e Fabio Rotondo, fonda Corpoetica, associazione culturale che promuove la pratica della CI.

Nel marzo 2020 si laurea in Filosofia con una tesi sulla Contact Improvisation. Nello stesso anno realizza una performance per spazi pubblici che indaga il dialogo tra i linguaggi del circo contemporaneo e della danza.

Nel 2021 incontra Priscilla Pizziol e fonda un progetto artistico chiamato MACULA. Insieme ricercano l’incontro tra CI e Composizione istantanea creando la loro prima pièce teatrale AMELIA, con la quale ricevono un premio per la scrittura coreografica al festival CortoInDanza nel 2022. Negli anni collabora come performer con diversi registi e coreografi. tra cui Willi Dorner, Agostina D’Alessandro, Lorenzo Covello e la compagnia Do-Theater.

www.collettivomacula.it